Quale scuola contro la violenza e gli stereotipi di genere?

15202770_1282535401809479_7332680466591126740_nPerché è importante che il mondo della scuola scenda in piazza il 26 Novembre a Roma, in occasione della Manifestazione Nazionale contro la violenza maschile sulle donne?

Questa è la domanda con cui abbiamo voluto sollecitare docenti, genitori, educatori ed educatrici, studentesse e studenti a prendere parte alla mobilitazione. Domanda alla quale abbiamo provato a rispondere in un video che racconta, attraverso brevi frasi, quanto ancora la violenza di genere sia fortemente presente e strutturata tra i banchi e le pareti delle nostre scuole. Continua a leggere “Quale scuola contro la violenza e gli stereotipi di genere?”

26N manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne

Le cattivemaestre ci saranno

Perché la violenza sulle donne si combatte a partire dai banchi di scuola, promuovendo saperi e pratiche educative che decostruiscano gli stereotipi di genere e mettano in discussione la cultura sessista e omofoba.

Perché in quanto docenti donne rifiutiamo l’associazione a un immaginario che ci vede materne e pronte al sacrificio. Siamo lavoratrici, professioniste dell’educazione, ed in quanto tali esigiamo diritti.

Con questo video invitiamo tutto il mondo della scuola – insegnanti, educatrici e educatori, studentesse e studenti, genitori – a scendere in piazza e partecipare a questa mobilitazione.

La violenza di genere riguarda tutte e tutti!

Cronache da dietro la cattedra


Le Cattive Maestre alla III edizione di Educare alle Differenze.

Bologna 24 e 25 settembre 2016.

fb_img_1475672325288.jpg

In prima battuta vogliamo ringraziare le tre associazioni che si sono fatte carico di organizzare questa preziosa occasione formativa: Scosse, Progetto Alice e Stonewall. È stata, come già le due edizioni precedenti, un’esperienza estremamente arricchente. Tuttavia, questa ha avuto per noi un significato più profondo perché le organizzatrici ci hanno chiesto di partecipare con un laboratorio preparato da noi Cattive Maestre. Continua a leggere “Cronache da dietro la cattedra”

E se la Prof è lesbica?

Intervista a Cristina Gramolini, Segreteria Nazionale Arcilesbica Milano

BANKSY cla

Quando parliamo di genere, omosessualità e omofobia a scuola diamo spesso per scontato lo sguardo che l’adulto rivolge verso gli altri adulti, prima che su ragazze e ragazzi. Le Cattive Maestre, che provano a interrogarsi sul fare scuola anche a partire dal proprio sé, si sono chieste: e se la prof dunque fosse lesbica? Sì, la prof, il corpo che ci hanno insegnato/imposto di vedere come materno e femminile canonico ad ogni costo. E se tu avessi una collega lesbica? E se tu fossi una prof lesbica? Continua a leggere “E se la Prof è lesbica?”

L’anno breve di Caterina Venturini, cattiva maestra

Esce il romanzo di una cattiva maestra su una cattiva maestra e la sua esperienza in un liceo di ospedale. Un’ottima occasione letteraria per riflettere sulla scuola e sui docenti.

cattivamaestra yellow e Marta Di Cola di Scosse 
lanno-breve-659x311
L’anno breve, Caterina Venturini. Rizzoli Editore, pag 358.

Ida Ragone è una docente precaria di Lettere. In un settembre qualsiasi sceglie una supplenza annuale in una scuola-ospedale senza molta consapevolezza ma decisa a rimanere in città anziché spendere il suo anno scolastico in impossibili andirivieni dalla capitale verso un paesello mal collegato e lontano. Le sue classi sono composte di un solo allievo per volta, le sue aule sono luoghi improvvisati come sale visita dell’ospedale, mense adibite velocemente all’uso, corsie d’ospedale. Continua a leggere “L’anno breve di Caterina Venturini, cattiva maestra”

Scaldare il banco

La sperimentazione di un metodo per riscoprire il piacere come canale privilegiato nei processi educativi

Roma, 28 e 29 maggio 2016 dalle 10 alle 18                                                                                     Asilo nel Bosco, Via Rainaldo, 18, Roma fermata Ostia Antica della linea Roma-LidO

13007192_962079947174983_200402233918095565_n

In occasione della Giornata Mondiale del Gioco ti invitiamo ad un laboratorio di due giorni rivolto ad insegnanti ed educatrici/ori. Intendiamo promuovere, attraverso la Ludopedagogia, la costruzione di un “sapere” e di un “fare” capace di trasformare la realtà e dare l’opportunità per sperimentare nuove forme di incontro e conoscenza, rivedendo ruoli e ridisegnando relazioni educative. Continua a leggere “Scaldare il banco”