Le gioie dell’insegnamento ottantaseiesima

L’autogestione

di Marika Marianello

scuola-autogestita

L’autogestione studentesca, di cui ognuno ha un’opinione non sempre e non troppo formata e un ricordo quanto meno vago e invaghito dal filtro nostalgico, è una forma di protesta attiva mediante la quale gli studenti si prefiggono di gestire la didattica autonomamente, in alternativa ai programmi cosiddetti tradizionali. Continua a leggere “Le gioie dell’insegnamento ottantaseiesima”

Annunci

Le gioie dell’insegnamento ottantatreesima

Ancelle ribelli

di Marika Marianello

ancelle

«Ma lo sai dove ti ho visto?»

Questa è la domanda che ogni volta che ti rivolgono a scuola, siano studenti o colleghi o collaboratori, ti tremano le gambe, cominci a sudare freddo, ti scorre la vita davanti, nella fattispecie la vita degli ultimi giorni: passi in rassegna tutte le pose o gli atteggiamenti o le versioni compromettenti della tua esistenza che, ignara, nel mondo reale o in quello virtuale, hai candidamente assunto. Continua a leggere “Le gioie dell’insegnamento ottantatreesima”

Le gioie dell’insegnamento sessantaquattresima

Il fattone

di Marika Marianello

fattone

Dennis è il secondo di tre figli, ha 16 anni e due genitori giovani e affabili che appena hanno potuto sono venuti a parlare con te, tenendosi per mano e mostrando un’amichevole cordialità nei tuoi confronti, un raro affiatamento matrimoniale e una sincera preoccupazione per il figlio adolescente, «scansafatiche» e «problematico». Continua a leggere “Le gioie dell’insegnamento sessantaquattresima”

Le gioie dell’insegnamento cinquantesima

Discorso inaugurale

di Marika Marianello

Full Metal

Tu, al tuo primo giorno nella nuova scuola, come da copione e dall’alto della tua esperienza, sai che la prima lezione è dedicata ai convenevoli e alle presentazioni di circostanza. Continua a leggere “Le gioie dell’insegnamento cinquantesima”

Le gioie dell’insegnamento quarantanovesima

La presa di servizio

di Marika Marianello

Tiger man

«Chi è l’ultimo?»

È la domanda spontanea e d’obbligo quando entri nella saletta d’aspetto antistante alla segreteria, quella riservata ai fumatori di straforo. Come in fila dal dottore di famiglia o al fornaio di fiducia o al reparto gastronomia del supermercato. Continua a leggere “Le gioie dell’insegnamento quarantanovesima”