Le gioie dell’insegnamento diciottesima

Il collegio straordinario docenti

di Marika Marianello

modugno

Professoressa, ha letto la circolare sul Concerto Straordinario Docenti convocato per oggi pomeriggio?

Ehm, no Preside, quando l’ha inviata?

Cinque minuti fa.

È che negli ultimi cinque minuti e cinquanta non ho scaricato la posta.

Come no?!

Ero nella gabbia III A a domare le belve nel fango senza alcuna arma di difesa con indosso solo una pelle di leone come Lei mi ha detto di fare, Preside Illuminata.

Ma ho anche creato l’evento su Facebook… non l’ha visualizzato, Professoressa?!

Mi scusi Preside è che io non ho uno Smartphone.

Ma come Professoressa, non faccia la purciara: con lo stipendio trimezzato part time che percepisce dal nostro generoso Ministero…

Ha ragione, provvederò quanto prima.

Tra l’altro pensavo di condividere l’evento anche sul Gruppo #docentisipuò.

È di certo un’ottima idea.

Lei è iscritta al Gruppo?

Purtroppo no Preside: bisogna essere di ruolo per potersi iscrivere.

Ah giusto. Be’, farò un’eccezione, solo per Lei, che è un’insegnante veramente vocata, si vede subito.

Grazie Preside, mi lusinga.

Ecco qui una prevendita in formato cartaceo: mi raccomando però, la metta via subito e non si faccia vedere dalle sue colleghe che come ben saprà sono delle vere arpie.

No, assolutamente, figuriamoci.

La porti con sé oggi pomeriggio e la mostri alla bidella in portineria, altrimenti non La fa entrare.

Grazie, davvero molto gentile.

Allora La aspetto.

Non mancherò: cancello subito gli altri tre lavori del pomeriggio, sa, per mantenermi…

Suvvia, Professoressa, non può mancare al Concerto Straordinario Docenti: è l’evento dell’anno scolastico! Poi deve firmare.

Scherza?! Non me lo perderei per nulla al mondo…

Ho invitato degli special guest per l’occasione.

Non oso immaginare di chi si tratti.

Glielo dico, ma in segreto, mi raccomando.

Che mi caschi la lingua.

Nientepopodimenoché: i sosia di Domenico Modugno e di Bobby Solo!

Preside, non sto nella pelle.

Sapevo che avrebbe apprezzato, Lei, che è figlia degli anni Ottanta.

Sono i miei preferiti, da quando non ero ancora nata.

Ci sarà anche Maria de Filippi: fa audience. Se vuole può portarsi uno strumento, così anche Lei potrà avere voce in capitolo: d’altronde, insegna una materia così ingiustamente sottovalutata da un Paese che ha la pretesa di affacciarsi in Europa.

Lei è davvero molto umana.

Sì, lo so, il successo non mi ha cambiato.

No, affatto, è rimasta la ragazza di campagna che era.

Lei canta, Professoressa?

Sì, sotto la doccia.

Be’ quella però non se la può portare…

Cercherò di farne a meno…

Bene. Senta, Professoressa, un’ultima cosa: detto tra noi, sa che nella scuola ci sono molti insegnanti venditori di fumo, vero…?

E che non lo so? Ad averceli ai miei tempi… quando andavo a scuola io, negli anni Novanta e rotti, dovevamo aspettare la ricreazione e fasse manna’ male da quelli più grandi…

Be’, anche qui ne abbiamo tanti di insegnanti venditori di fumo: stiamo facendo una colla per una mezza piottata de cioccolato: Lei si vuole unire a noi?

Preside, sono sinceramente onorata, commossa, direi, La ringrazio, davvero, ma è che ho smesso ormai.

Ma suvvia Professoressa, un Concerto Straordinario Docenti senza fumo è come una scuola senza studenti.

Sante parole, Preside, se vuole accollo giusto perché non si dica che non voglio fare gruppo nella scuola.

Ecco, così mi piace: una Buona Scuola d’altronde prevede l’integrazione dei docenti, di ruolo, precari, supplenti e tirocinanti attivi e passivi, e degli studenti, italiani, certificati, problematici, disabili e, purtroppo, stranieri.

Preside, molti studenti stranieri sono in verità cittadini italiani.

Sì, ma restano stranieri dentro.

Che vergogna, ma come si permettono?

Lo fanno, lo fanno.

Eh già. Non c’è più religione in questa scuola.

Come no, l’ora di religione è sacrosanta in questa Buona Scuola! Il problema è che le docenti stanno sempre troppo in fissa con Jesus Christ… Che croce!

Antiche.

Ci sarà un po’ di musica new age, per cominciare… Fa postmoderno, non è d’accordo, Professoressa?

Convengo: si sposa bene con il puzzone che ve fumate.

Bene, Professoressa, allora, i soldi per il fumo li sta raccogliendo la coordinatrice di classe in sala professori: stia attenta però, che è un’infame e sicuramente cercherà di farLe una crepa. Quanto a noi: ci vediamo dopo. Mi raccomando: puntuale.

Certo Preside, puntualissima. Grazie ancora e a dopo.

Ah, Professoressa!

Dica, Preside all’avanguardia.

Siyuleidah! Ho detto bene, vero Professoressa?!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...